Advantage Austria Mostra navigazione

Nuovi insediamenti in Austria

15. luglio 2014

Reinhold Mitterlehner, Ministro austriaco dell’Economia: “ABA mette a segno un +42% di
posti di lavoro nel primo semestre”
I nuovi progetti di insediamento dall’estero, nel primo semestre 2014, sono 114 (+30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) Il totale degli investimenti ammonta a 179 milioni di euro con 905 nuovi posti di lavoro. L’Italia si conferma il secondo principale investitore dopo la Germania con 17 nuovi insediamenti.

Il risultato semestrale del 2014 di ABA-Invest in Austria, l’agenzia austriaca per gli investimenti stranieri, evidenzia un bilancio molto positivo, con un incremento del 29,5% rispetto allo stesso periodo di riferimento dello scorso esercizio. Il numero dei nuovi progetti di investimento, attuati in collaborazione con le società regionali, è passato dagli 88 del primo semestre dello scorso anno a quota 114. Con 179,97 milioni di euro (154,33 nel 2013) il volume degli investimenti è salito del 15,9% rispetto al valore dello scorso esercizio.

“Il dato dei nuovi posti di lavoro creati, passati da 637 a ben 905, conferma l’Austria come business location stabile e sempre più ambita, nonostante la crisi economica generale”, commenta il Ministro dell’Economia Reinhold Mitterlehner.

L’Italia, in crescita con 4 progetti in più rispetto al 2013, si conferma secondo investitore dopo la Germania. Con 17 nuove aziende (nello stesso periodo del 2013 i progetti erano 13) l’Italia rafforza la seconda posizione tra gli investitori dietro la Germania. Ancora una volta le aziende tedesche rappresentano il gruppo di investitori più consistente, con ben 31 nuovi insediamenti (nel 2013 erano 30); la Germania costituisce così il 27% di tutti i progetti ABA nel primo semestre 2014. Russia, Ungheria e Svizzera seguono l’Italia con 7 progetti di investimento ciascuno. In generale, 33 dei 114 nuovi investitori provengono dall’Europa orientale e sudorientale; nel 2013 erano stati 22. Si evidenzia inoltre un interesse maggiore nei confronti dell’Austria da parte dell’Ucraina, con 5 imprese, e della Slovenia, con 4 nuovi insediamenti.

Fra i Länder federali, Vienna è risultata la location più apprezzata, con 53 insediamenti di nuove aziende, seguita dalla Carinzia con 18 e dall’Alta Austria con 10 insediamenti. Il Salisburghese è stato scelto da 9 aziende, la Bassa Austria da 8, la Stiria e il Tirolo da cinque ciascuno, il Vorarlberg da tre e il Burgenland da due. Fra i nuovi investitori del primo semestre si annoverano anche sei società che praticano R&S.

Tra gli insediamenti italiani in territorio austriaco risalta quello di xAutomata, azienda di informatica che ha portato in Austria un progetto di ricerca in collaborazione con il gruppo "Software Engineering Research Group" dell’ l’Università di Klagenfurt nell’ambito dello sviluppo di software. Sul territorio austriaco l’azienda sviluppa software volti ad ottimizzare le infrastrutture dei call center, stravolgendo la modalità di erogazione dei servizi di postvendita. A partire dal 2015 l’italiana HIPER CAST produrrà in Carinzia e distribuirà pellicole in materiale plastico. In tutto saranno impiegati oltre 50 collaboratori e investiti 10 milioni di euro fino al 2019.

Stampa
©©ADVANTAGE AUSTRIA