Advantage Austria Mostra navigazione

euRobotics Tech Transfer Award

26. settembre 2013

„European technology platform“ è la principale organizzazione a livello europeo mirata ad incentivare la competitività nei settori della ricerca e dell’applicazione della robotica. Uno degli eventi annuali più importanti è l’assegnazione del premio “euRobotics Technology Transfer Award” nell’ambito del Forum euRobotic. Teatro della decima edizione di questo evento di grande rilievo, lo scorso marzo, è stata la città di Lione, in Francia.

L'intento del premio “euRobotics Technology Transfer Award” è quello di individuare eccezionali progressi nella robotica e, in questo modo, di promuovere la collaborazione mirata tra scienza e industria. Particolarmente richieste sono le applicazioni della robotica che riducono i costi, che aumentano la qualità e la produttività o soluzioni assolutamente innovative che permettono di automatizzare lavori manuali altrimenti difficoltosi.

I cinque team finalisti presentano le proprie innovazioni dal vivo durante una serata di gala del Forum euRobotics . La giuria nomina il vincitore immediatamente dopo, tenendo con il fiato sospeso finalisti e pubblico. Durante l’ultima edizione, la decisione è stata resa particolarmente difficile dalla straordinarietà dei progetti finalisti. L’ambito riconoscimento è stato aggiudicato al Team DLR/Grenzebach per il simulatore robotizzato destinato all’addestramento economico e sicuro dei piloti. I mini aerei automatici a pilotaggio remoto del Team sensyFly/EPFL si sono posizionati al 2° posto. Al 3° posto si sono classificati due Team a pari merito: FerRobotics/Johannes Kepler University con la flangia attiva di contatto per l’automatizzazione di operazioni dove sia richiesto un alto grado di sensibilità e flessibilità e il Team ETH Zürich/Keller/ROB con un robot per singole pareti in mattoni. Al 5° posto si è posizionato il Team Prensa con una mano destinata alla robotica ma progettata ispirandosi a quella umana.

La flangia attiva di contatto ACF appartiene a quel genere di soluzioni che lascia presupporre un campo particolarmente ampio di possibili applicazioni. Problemi o lacune di automatizzazione si verificano spesso laddove venga richiesta sensibilità in operazioni manuali molto delicate. Tra gli esempi più tipici vanno annoverate operazioni come affilatura, lucidatura, incollaggio, ecc.
La tecnologia ACF garantisce che ogni robot possa svolgere adeguatamente sequenze in modo automatizzato nel caso in cui sia necessario un alto grado di sensibilità e flessibilità. Assicura cicli brevissimi e una riduzione al minimo dei tempi economici di ammortamento anche nel caso di applicazioni delicate. L’ACF controlla ogni robot, rendendo l’upgrade incredibilmente semplice e convincente. L’apparecchio è ideale per la lavorazione di superfici e laddove sia necessario un contatto delicato e sensibile, vale a dire nel caso di tutti i materiali (incluso carbone, fibre di cocco, ecc.) e garantisce un elevato standard qualitativo.

Questa tecnologia viene prodotta dall’azienda FerRobotics Compliant Robot Technology GmbH di Linz (Austria), che sembra reagire in modo estremamente positivo ai riconoscimenti ottenuti a livello internazionale. “Mantenere processi di lavoro ‘sani’, facendo un lavoro che diverte e, al contempo, riuscire a ottimizzare costi e qualità del prodotto è l’idea geniale dell’automatizzazione” afferma il Dr. Ronald Naderer (nella foto), amministratore delegato di FerRobotics che, intanto, si è affermata come “trend setter” nell’automatizzazione flessibile ed fornisce aziende del calibro di AUDI, BMW, Magna, SMP (ex Peguform), VW, ecc.

Stampa
©©ADVANTAGE AUSTRIA